Lavoro e pandemia: per un punto di vista di parte

Michela Cerimele

Con lo stato d’emergenza innescato dalla pandemia, sembra essersi scalfita la cortina fumogena che dai primi anni Ottanta del secolo scorso si è abbattuta sulla classe operaia, e sul mondo del lavoro tutto, determinandone “la fine” come soggetto sociale e politico. Nei mesi trascorsi abbiamo scoperto una verità cristallina eppure non scontata. Ossia che, se sostanzialmente scomparso dai radar delle narrazioni, delle analisi, del dibattito politico, il lavoro produttivo, non produttivo, di riproduzione non ha certamente cessato di esistere.

Leggi tutto “Lavoro e pandemia: per un punto di vista di parte”

L’ordine mondiale cinese di Jiang Shigong

Vincent Garton

La presenza del potere cinese è ovunque, ma i motivi che la determinano sono a malapena compresi. La percezione del relativo declino e stagnazione dell’Occidente ha provocato un crescente interesse per il “Modello Pechino”, ma la dissonanza tra quanto si pensa in Occidente della Cina e il modo in cui gli intellettuali cinesi percepiscono sé stessi resta più profonda che mai. Questo è vero non solo tra i critici della Cina, che la considerano un concorrente ideologico o una minaccia totalitaria, ma anche tra le più diverse correnti di pensiero, sia di sinistra che di destra, che, senza distinzioni, usano la Cina come una tela per le proprie ambizioni politiche: una fonte di speranza, di ansia o semplicemente un’opportunità estetica.

Leggi tutto “L’ordine mondiale cinese di Jiang Shigong”